Cantine Russo

Visualizzazione di 7 risultati

  • Contrada Crasà 2014

    Cantine Russo
    22,00 
    Aggiungi al carrello
  • Krasì 2007

    Cantine Russo
    74,00 
    Aggiungi al carrello
  • Madrenatura 2020

    Cantine Russo
    22,00 
    Aggiungi al carrello
  • Mon Pit Brut VSQ

    Cantine Russo
    24,90 
    Aggiungi al carrello
  • Mon Pit Rosè

    Cantina Russo
    28,00 
    Aggiungi al carrello
  • Rampante 2010

    Cantine Russo
    32,00 
    Aggiungi al carrello
  • Rampante 2012

    Cantine Russo
    28,00 
    Aggiungi al carrello

Cantine Russo è situata sul versante nord dell’Etna, tra i 650 e i 780 metri. L’azienda ha in proprietà 18 ettari di vigneti, incorniciati da noccioleti e uliveti.

Nel 2005 Giuseppe Russo la rifonda e la dedica al padre Girolamo, volendo esprimere con forza la necessità di non disperdere i valori della sua famiglia.

Alla stesso tempo, li reinterpreta in maniera personale e innovativa, costruendosi una diversa cultura del vino. Sceglie di rimanere nel borgo nativo, Passopisciaro, il borgo della rinascita dei grandi vini rossi dell’Etna.

Giuseppe e i suoi collaboratori coltivano le vigne in regime biologico, secondo la tradizione contadina. Quella che ha permesso a vigneti antichi, la gran parte più che centenari, di giungere fino a oggi.

Il terreno di coltivazione delle Cantine Russo ha una storia geologica unica e straordinaria. Il suo carattere è il frutto delle eruzioni vulcaniche che si sono succedute nel corso dei secoli.

Per comprendere appieno la complessità morfologica del terreno, basti pensare che l’Etna si è formato più di mezzo milione di anni fa. La sciara (termine di derivazione araba), cioè la lava che si raffredda e si solidifica lungo il percorso della colata, grazie all’azione del tempo e all’opera dell’uomo, rende le terre delle contrade etnee profondamente diverse le une dalle altre, e così anche il vino che da quelle contrade proviene.

E così, tra lave, ceneri e ginestre, ogni contrada ha il proprio carattere, la propria voce: incisa nel terroir che la ricopre, e che Giuseppe restituisce nei vini.